Home

A SETTEMBRE 2022 E’ USCITO L’ULTIMO LAVORO SCRITTO A 4 MANI CON LA POETESSA LORENZA AUGUADRA (CTL ED. LIVORNO)

Le nostre metà, umane, artistiche e poetiche hanno potuto esprimersi e si sono arricchite grazie al viaggio epistolare di un incontro. In un tempo storico in cui sono le dimensioni estetiche ed esteriori e d’interesse materiale a garantire la continuità dei rapporti, mi sembra tanto bello avere dato spazio alle nostre anime senza che la presenza, a volte goffa e ingom- brante dei corpi, le alterassero nelle profondità e nei contorni. (Lorenza Auguadra)

“eccomi, ci sono, sono ancora viva, esisto” – per te, ma innanzitutto per me stessa, per questo spazio isolato che benedico, per questa presenza che è parsa respirare del mio stesso respiro, del mio stesso vapore acqueo seppur nella lontananza, così vicina da farmi credere che chissà, qualcosa in noi già comunicava prima di noi, forse ci conoscevamo già come fanno le bricole, tese alla sopravvivenza cercando appigli di sorellanza, in un’ “acqua granda” che sborda e invade come ci ha invaso l’imperfetta e sofferta immobilità per questo tempo perfetto. (Serena Vestene)

https://www.ctleditorelivorno.it/product-page/come-le-bricole

https://www.mondadoristore.it/Come-bricole-Prove-Lorenza-Auguadra-Serena-Vestene/eai978883387501/

PROSSIMAMENTE IN ESPOSIZIONE A VENEZIA PER IL PREMIO INDETTA DALLO SPAZIO ESPOSITIVO “VISIONI ALTRE”

TITOLO: L’URLO DELLA TERRA
SUPPORTO: radice di cedro deoadara
DIMENSIONE IN CM: 39x10x8
TECNICA e MATERIALI: acrilico su radice di cedro deaodara
ANNO: 2021
ANNOTAZIONI: La mia radice di cedro deodara dipinta in acrilico rappresenta
l’urlo della Terra. Una Terra carbonizzata, ferita, deturpata. Una scultura, se così
la si può definire, che trasforma la radice di un albero in un messaggio gridato di
sofferenza.